• La top ten delle muscle car anni '60 e '70
  • La top ten delle muscle car anni 60 e 70
  • La top ten delle muscle car anni 60 e 70
  • La top ten delle muscle car anni 60 e 70
  • La top ten delle muscle car anni 60 e 70
  • La top ten delle muscle car anni 60 e 70
  • La top ten delle muscle car anni 60 e 70
  • La top ten delle muscle car anni 60 e 70
  • La top ten delle muscle car anni 60 e 70

La top ten delle muscle car anni '60 e '70

I primi anni '60 fino agli anni '70 sono stati un periodo d'oro per l'industria automobilistica americana,  le muscle car crescevano non solo in quantità, ma anche in qualità.

Le muscle car cominciarono ad essere sempre più ricche di opzioni, per clienti alla ricerca di più potenza e coppia per poter "torcere" il metallo di questi veicoli.

E i modelli sono cresciuti in popolarità, dato che sempre più persone chiedevano a gran voce macchine più grandi, più cattive e più potenti.

L'attrazione che queste muscle car offrivano alla crescente cultura automobilistica americana del tempo è stata l'opportunità di possedere automobili potenti, competitive nelle prestazioni come nei costi. A quel tempo, una serie di marche ha iniziato a sviluppare i propri modelli, compresi i nomi leggendari come la Ford Mustang, la Chevrolet Camaro, la Plymouth Barracuda, la Pontiac Trans-Am e la Dodge Charger, solo per citarne alcuni.

Mentre l'età d'oro delle muscle car è stata limitata ad alcune parti di questi due decenni, il settore ha goduto di una rinascita del genere negli ultimi anni. Non è da paragonare con gli anni '60 e '70, ma come dimostra la richiesta dei clienti, la cultura della muscle car americane è ben lungi dall'essere finita.

Per rendere omaggio al tempo in cui la muscle car era regina della strada - e della pista - abbiamo creato una lista delle muscle car più memorabili del periodo d'oro.

1964 Pontiac GTO

In vari modi, la Pontiac GTO 1964 è considerata una pioneira delle muscle car durante l'età d'oro degli anni '60 e '70, se non altro per la semplice premessa dietro la costruzione della vettura. L'idea era di trovare il motore più grande e metterlo sul corpo più leggero che si possa costruire. Nato da un'idea di Russell Gee, Bill Collins e John DeLorean, la GTO è nata dalla decisione di porre l'accento sulla performance stradale dell'auto, dopo che la General Motors, a quel tempo, aveva emesso un divieto alle corse sponsorizzate dalle aziende costruttrici.

Tutti insieme, i tre visionari costruirono la GTO come una muscle car da 389 pollici cubici (6.4 litri) del motore V8 con una potenza di 325 cavalli a 4800 giri / min, con una carburazione "Tri-Power" opzionale che aumentava di 348 cavalli la potenza. Test su strada fatti sulla GTO a quel tempo comprendevano 0-60 mph in 6.6 secondi, un quarto di miglio in 14.8 secondi e una velocità di quarto miglio di 99 mph.

Per inciso, il nome della Pontiac GTO era un'idea di John DeLorean che ha preso il nome dalla Ferrari 250 GTO, una delle auto da corsa più mitiche della storia, con "GTO" come abbreviazione italiana di Gran Turismo Omologato. Attraverso molte controversie circa il nome della vettura e l'apprensione generale per come si accingeva a essere accolta dal pubblico, la GTO sorprese molte persone, diventando una delle muscle car più leggendarie di tutti i tempi.

1967 Shelby Cobra 427 Super Snake

Nonostante il suo aspetto snello, da sport-car, la Shelby Cobra 427 Super Snake del 1967 ha l'impulso da muscle car americana nelle vene. E a giudicare dal numero limitato di vetture costruite per questo particolare modello, non dovrebbe sorprendere che la più potente Shelby mai costruita porti ancora il titolo di muscle cars americana tra le più rare della storia.

Carroll Shelby ha sempre voluto avere la macchina più veloce e più cattiva della strada, e si mise a farlo con l'introduzione della Shelby Cobra 427 Super Snake nel 1967. Limitata a sole due unità - Sì! due! - la Cobra 427 Super Snake era essenzialmente una macchina da corsa modificata per l'uso su strada, e detiene ancora il primato della più terribile fra tutte le Cobra mai costruite. Non solo è alimentata dal motore Cobra top di gamma da 427 pollici cubici V8 Shelby, ma per dargli una spinta in più, Shelby ha deciso di aggiungere una coppia di compressori Paxton al mix, raddoppiando la potenza del Cobra 427 allo sbalorditivo livello di 800 cavalli.

Una muscle car americana degli anni '60 che produce 800 cavalli vapore. Davvero, è tutto quello che c'è da sapere sulla Shelby Cobra 427 Super Snake del 1966.

1968 Dodge Charger R / T

La Dodge Charger 1968 R / T è una di quelle muscle car che hanno decisamente superato la prova del tempo. Come spiegare altrimenti la popolarità della vettura in questi giorni, più di 40 anni dopo che la prima vettura facesse la sua comparsa alla fine degli anni '60?

La risposta, come vi dirà il personaggio di Vin Diesel in Fast and Furious, è piuttosto semplice: la Charger R / T del '68 è stata, ed è tuttora, l'automobile di un vero uomo. E' il tipo di muscle car che crea un'immagine di timore e classe, confezionata in un contenitore fantastico. Con un design inconfondibile, caratterizzato dalla famosa griglia con fari nascosti, il corpo sinuoso, la coda raffinata, e l'uso prevalente di cromature, la Charger R / T del '68 era in una classe a parte già allora.

Oltre all'estetica affascinante e il design senza tempo, la Charger R / T vantava anche un propulsore da 440 pollici cubici, quattro cilindri, V8 Magnum che produce 375 cavalli vapore, con la possibilità di scegliere un motore 426 Hemi con 425 cavalli di potenza.

Mentre altre muscle car al tempo uscivano con un profilo più aerodinamico o un motore più potente, nulla poteva competere con la Charger R / T presa nel suo insieme.

1968 Road Runner Plymouth Hemi

Può avere un nome ispirato al personaggio Looney Tunes, ma non fate errori a riguardo, la Plymouth Road Runner Hemi era ed è una cosa seria. Dotata di un propulsore standard caratterizzato da un motore V8 a quattro cilindri da 383 pollici cubici con 335 cavalli o un più potente motore Hemi da 426 pollici cubici con 425 cavalli, la Road Runner Hemi divenne una muscle car fine anni '60 molto popolare perché offriva ai clienti un prodotto semplice ma con tutto quello che la gente voleva da una muscle car, senza fronzoli.

Nel costruire la Road Runner Hemi, Plymouth pose soprattutto l'accento sulle prestazioni della vettura, lasciandosi dietro tutte le complicazioni stilistiche. Nulla nell'aspetto della vettura è gridato, perché tutto ciò che non è essenziale per migliorare le prestazioni è stato tralasciato, incluso l'interno dove "opzioni aggiuntive" è diventato un concetto estraneo. Nonostante il suo aspetto tranquillo, l'impressionante potenza della Road Runner Hemi ha certamente sistemato tutto.

Come nota a margine, Plymouth ha effettivamente pagato 50.000 dollari alla Warner Brothers per i diritti di utilizzo del nome di Road Runner e altri 10.000 dollari per sviluppare il clacson "bip bip". Questo solo per dimostrare che pur essendo un muscle car essenziale, la Plymouth Road Runner Hemi sa offrire comunque molta personalità.

1969 Chevrolet Camaro ZL1

La Chevrolet Camaro ZL1 del 1969 si vanta di essere una delle muscle car americane più veloci e potenti del suo tempo. E' stata ideata dal drag racer Dick Harrell appositamente per corse di resistenza, con un motore V8 da 427 pollici cubici chiamato ZL1. Questo particolare propulsore ha dato alla Camaro tutta la gamma di prestazioni di cui aveva bisogno - 500 cavalli vapore hanno il loro perché - per essere considerata come una delle belve americane più importanti del suo tempo, capace anche di fare 0-60 mph in soli 5,3 secondi.

Detto ciò, furono costruite solo 69 ZL1 Camaro, facendo di questo uno dei modelli di muscle car più rari e importanti del suo tempo.

1969 Ford Mustang Cobra Jet 428

La Ford Mustang ha prodotto molte auto contrassegnate dal pony in passato, ma nulla genera ammirazione più della Mustang 428 Cobra Jet del 1968. Considerato come il modello che ha cominciato la sfida con la Camaro e la Firebirds di quel periodo, la Mustang Cobra Jet è una versione più potente della Mustang ed era equipaggiata con un propulsore degno della sua fama.

Ad alimentare la Mustang Cobra Jet era un motore V8 da 428 pollici cubici, caratterizzata da teste delle valvole più grandi della normale Mustang, una induzione ram-air, una presa d'aria sul cofano, mentre il collettore di aspirazione è lo stesso delle versioni meno potenti. Mentre Ford valutava che la Mustang Cobra Jet avesse "solo" 335 cavalli, la verità è che la potenza arrivava quasi a 410 cavalli.

Questo dato è degno di nota perché ha inaugurato una nuova ondata di interesse per la Ford Mustang, che era rimasta indietro rispetto a Chevrolet Camaro, Pontiac Firebird, e Plymouth Barracuda. Con il rilascio della Mustang Cobra Jet 428, le cose cambiarono e tutti cominciarono a desiderare la leggendaria Mustang.

Chevrolet Chevelle SS 1970

Un sacco di persone oggi pensano alla Camaro come la muscle car Chevrolet per eccellenza; in qualche misura, questo è vero, ma non molte persone sanno che prima che la Camaro diventasse la muscle car Chevy per antonomasia, il titolo apparteneva alla Chevrolet Chevelle SS.

Dopo essere stato introdotta nel 1964 per segnare l'ingresso di Chevrolet nel mondo delle muscle car, la Chevelle ha funzionato per un certo numero di anni, diffondendosi abbastanza per farsi un nome, ma non abbastanza per far preoccupare le sue rivali. Si è dovuto aspettare fino al 1970, quando le Chevelle SS fecero il botto, in gran parte grazie a un motore V8 da 454 pollici cubici, che produceva 450 cavalli e 500 kg / m di coppia, con un tempo di 0-62 mph di 6 secondi.

Sottovalutate a causa del suo successore più famoso, una volta la Chevelle era la muscle car Chevrolet ufficiale, qualcosa che non hanno dimenticato coloro che hanno avuto il piacere di possedere questa macchina spettacolare.

1971 Hemi Barracuda Plymouth Convertible

Una delle muscle car più rare e importanti degli anni '70 è la Plymouth Hemi'Cuda Cabrio del 1971, una vettura che, fino ad oggi, rimane come una delle più ambite muscle car nella storia. La Hemi'Cuda, una discendente diretta della Plymouth Barracuda, è diventata una perla rara, non solo per il motore V8 da 425 pollici cubici con 425 cavalli, ma perché era la risposta di Plymouth ai nomi blasonati di quel tempo, in particolare la Camaro e la Mustang.

Ma di tutte le Barracuda mai prodotte, la Hemi'Cuda Cabrio resta la punta di diamante. Limitata a soli 11 unità, la Hemi'Cuda è rara come poche altre muscle car. Di certo la aiuta essere un'auto esteticamente attraente, con una combinazione di imponente bellezza e performance al top.

Solo per dare un'idea di quanto rara e ricercata sia questa muscle car, un modello è stato venduto all'asta da Barrett Jackson per la considerevole cifra di 4 milioni di dollari.

1973 De Tomaso Pantera

La Pantera De Tomaso può non avere il richiamo di altre muscle cars di questa lista, ma di certo ha un pedigree impressionante, che risale agli anni '70. La vettura è nata dalla mente di Alejandro De Tomaso, un pilota argentino che ha cercato di coniugare ingegneria italiana con muscolo americano. Insieme con l'aiuto di Tom Tjarda - l'uomo responsabile dello stile della vettura - e Giampaolo Dallara - l'uomo incaricato della progettazione strutturale della Pantera, e coinvolto anche nello sviluppo della Lamborghini Miura. De Tomaso cercò un modo per infondere entrambe le ideologie in una muscle car potente. Così, nacque la Pantera.

A spingere la Pantera era un motore V8 'Cleveland' da 351 pollici cubici con 330 cavalli, abbinato a un cambio a cinque marce ZF manuale, con un tempo 0-60 mph di 5,5 secondi e una velocità massima di 150 miglia all'ora.

Presentata per la prima volta al New York Auto Show nel 1970, la Pantera ha rapidamente guadagnato popolarità negli anni '70, grazie alla combinazione di un design accattivante e, al tempo stesso, semplice e di un potente motore. Divenne così popolare, che la Pantera era uno delle muscle car più ricercate dalle celebrità del suo tempo, compresa una che divenne proprietà nientedimeno che del Re del Rock and Roll, Elvis Presley.

Articolo sulle muscle car tratto da Topspeed.